16 dicembre 2018
16 Dicembre 2018,
 Off

Un bel segnale di carattere e di qualità quello che il Catania Futsal Club ha lanciato al PalaWagner di Mascalucia pareggiando a 40 secondi dal termine contro i padroni di casa che fino ad oggi tra le mura amiche non avevano conosciuto altro risultato che non fosse la vittoria. Finisce 2-2 il derby siciliano di Serie B della nona giornata, con le due squadre che al termine della sfida si congratulano tra loro e rilanciano ai prossimi impegni con entusiasmo. Si tratta di un Catania in versione sperimentale, con tanti giovani chiamati ad essere protagonisti in prima squadra. Una sorta di formazione Under e nella mischia anche qualche Over a far da chioccia. Questo è il caso, ad esempio, di Dario Pacini, il portiere è finalmente arruolabile dopo l’infortunio patito qualche settimana fa.

In quel di Mascalucia, una sfida che si accende a scoppio ritardato. I primi dieci minuti di gara sono infatti una prolungata fase di studio tra la squadra di coach Carmelo Sgroi e gli avversari che cercano di trovare in Pagano e Nicolosi gli spunti per mettere la freccia. Proprio Pagano va vicino al vantaggio ma il suo tiro finisce a fil di palo. Pacini in porta c’è e si vede e le sue parate sulle scorribande biancazzurre sono un punto esclamativo. In zona offensiva si fa vedere Giardinaro, onnipresente in campo e sempre pronto a metterci la gamba trascinando i suoi. Ma il Mascalucia pressa nel finale di primo tempo e i ragazzi di Previti passano poco prima della sirena di fine frazione: Nicolosi avvia il contropiede, Pagano conclude e trova Pacini ma sulla ribattuta a due passi dalla linea di porta segna il giovane Scuderi, è 1-0. Nell’intervallo Carmelo Sgroi striglia i suoi e i risultati sono subito tangibili. Squadra rossazzurra più compatta e col piglio offensivo che porta al pareggio di Di Mauro, al rientro dopo un periodo di stop per infortunio. L’attaccante tira e trova una deviazione che spiazza Casablanca. Prima del pareggio anche un palo per Di Mauro e tentativo di Musumeci, sempre nel vivo delle azioni etnee. Match adesso acceso e aperto a qualsiasi risultato. Il Catania sembra in palla, pronto a gestire i minuti con saggezza e lucidità mentre Mascalucia prova soprattutto in contropiede a fare uno sgambetto agli avversari. Ed effettivamente il proposito riesce alla squadra di casa che trova il jolly di Nicolosi dopo un paio di tentativi di Pagano in particolare. Subita la scoppola, i rossazzurri non mollano, Sgroi gioca la carta del portiere di movimento, ruota velocemente il roster con Rinaudo e Di Mauro a farsi trovare pronti e trova a 40 secondi dalla fine il meritato pareggio. Lo segna Musumeci che appostato sul palo raccoglie la palla servita bene su calcio piazzato. Finisce così, con gli applausi del pubblico e un punto in più in classifica e il primo risultato importante ottenuto fuori casa per guardare con fiducia al futuro.