16 febbraio 2019
16 Febbraio 2019,
 Off

A coronamento dell’ennesima prestazione positiva degli agguerriti giovani ragazzi del Catania Futsal Club, arriva anche una brillante vittoria per 6-2 contro il Real Parco. La cornice del PalaNitta fa da palcoscenico sulla convincente prova offerta dai rossazzurri che nel sentito derby ottengono punti fondamentali in ottica salvezza, allungando su Polisportiva Futura e Agriplus Mascalucia, avvicinando proprio la compagine palermitana ed altre squadre del centro classifica.

Real Parco sorprendentemente avanti con Giannola che con un pregevole pallonetto supera Macaluso per l’1-0. Eppure era partita già forte la squadra di casa con capitan Marletta che da pochi passi non riusciva ad imprimere forza al suo tiro per gonfiare la rete avversaria. Subita la doccia fredda del gol, però, Catania non si disunisce. Anzi. La manovra etnea è fluida e veloce, fioccano le occasioni in particolare con Musumeci che sbaglia la mira e con Pagnussatt che fa le prove generali di gol. La marcatura arriva però da parte di colui che guida da capitano la squadra Juniores: è di Rinaudo la conclusione angolata con la palla che incoccia il palo interno fina di finire in fondo al sacco. Real Parco tenta di riorganizzarsi sfruttando il time-out ma Catania spinge forte ancora con Marletta che le tenta tutte per timbrare il cartellino ma la malasorte dice no. Sorte che invece diventa benevola per Pagnussatt che quando mancano appena tre minuti al suono della sirena per il termine della prima frazione trova una soluzione offensiva simile a quella che aveva portato la squadra al pareggio: è ancora un tiro da lontano, ancora palla a fil di palo, lo stesso palo e gol! Prima di tornare negli spogliatoi per l’intervallo ancora una chance per arrotondare il risultato in contropiede grazie all’altruismo di Marletta che vede al centro, in piena corsa, Musumeci che perde l’attimo lasciandosi ipnotizzare dal portiere.

Nella ripresa è un Catania ancora più spietato e famelico. Mouhsin fa stampare il pallone sull’incrocio dei pali alla sinistra dell’estremo difensore del Real Parco che nulla può però su Musumeci che all’ennesimo tentativo risolve una lunga azione offensiva in gol. L’entusiasmo catanese cresce, Real Parco alle corde, Pagnussatt da solo infila il 4-1. Ancora Musumeci prima del secondo gol ospite, ancora di Giannola. Di Pagnussatt, che dunque realizza una tripletta, la rete del definitivo 6-2. Gara giocata in maniera saggia, precisa e con la giusta umiltà. Un passo avanti importante verso l’obiettivo salvezza da raggiungere al più presto.