8 dicembre 2018
8 Dicembre 2018,
 Off

Non c’è rammarico, ma solo tanta soddisfazione per il pareggio guadagnato in casa contro Cataforio. Certo, si potevano portare a casa anche i tre punti e far propria dunque l’intera posta in palio ma il Catania Futsal Club dei giovani è una squadra con un cuore grande e con delle qualità importanti da coltivare, proprio come è successo al PalaNitta nel match valido per l’ottava giornata del campionato cadetto. Al cospetto di una squadra ben organizzata e determinata ad ottenere un piazzamento nelle zone nobili della classifica, sono proprio i rossazzurri a passare nella ripresa (primo tempo tiratissimo chiuso sullo 0-0). Pagnussatt ruba un pallone, s’invola e trova Rinaudo che con una finta si beve il portiere prima di scaraventare in fondo al sacco il pallone del momentaneo vantaggio. Per il capitano della formazione Under 19 del Catania Futsal Club la grande soddisfazione di timbrare il cartellino. Pagnussatt si prende sulle spalle la responsabilità di guidare i compagni, vista tra l’altro la concomitante assenza (panchina) in campo di Pacini, tenuto ancora precauzionalmente fermo favorendo l’ottimo Macaluso a difesa dei pali. Proprio il brasiliano nel finale potrebbe far vincere i suoi ma la conclusione da lontano a porta vuota non trova lo specchio. Le assenze non pesano, ma sono uno stimolo perché i padroni di casa sono compatti, remano con orgoglio tutti verso la stessa direzione e fa nulla, se un rocambolesco episodio vale il pareggio, con il giovane portierino ingannato da un rimbalzo anomalo e sfortunato sull’intervento di un compagno poco dopo l’1-0. Parità, alla fine, ma le indicazioni lasciano pensare che in casa etnea la semina prosegua senza intoppi mentre nel frattempo si assaporano i primi frutti della precedente con mister Sgroi bravo e saggio nella gestione dei momenti topici della partita.